.
Annunci online

 
weisghizzi 
scampoli di letteratura - www.weisghizzi.it
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Il mio sito
La piazza di pietra e altre storie
Il blog di mio fratello
Cristina Fabris
Contesti - Agenzia letteraria
CulturaItalia
Per gli amanti del fumetto
Lo spazio bianco
Divilinux
Mefisto
Luca
Elle.uca
Re.In.Stallo
Milo
Bugman
Xdatap1
  cerca



Il mercante di parole


Ecco mio buon Bassanio,
prendi pure il mio pezzo di cuore
e barattalo con l’Ebreo
per avere un po’ d’attenzione.

Prendi pure il mio etto di carne
e pesa quanto valgono le mie parole
che il mio debito l’ho già pagato
con le lacrime e col dolore.

Troppi crediti accumulati
in attesa della buona stagione
sono andati col passar del vento
e col tempo han perso valore.

E all’Ebreo sudicio e avaro
che vorrebbe ghermirmi i pensieri
bastino le parole che già possiede:
solo quelle gli ho promesso
non lealtà, amicizia o fede
e neppure una goccia di sangue.

Ma a te, Bassanio, mia roccia,
lascio a banchetto il mio corpo che langue:
spremi fino all’ultima goccia,
sangue, anima, carne e cuore
perché ciò è tutto quel che possiede
questa misera mercante di parole.

(Le mie poesie si trovano sul mio sito www.weisghizzi.it)



I miei libri



La Piazza di Pietra e altre storie



Parlando di nuvole

Modi e luoghi del fumetto
italiano conteporaneo

 

 

Ubuntu Linux 9.10

Guida compatta

Disclaimer: le immagini qui riprodotte sono state trovate su Internet, liberamente scaricabili. Se ne presume la possibilità di farne un uso quantomeno amatoriale e non a scopo di lucro. Se malgrado ciò risultassero lesi i diritti d'autore di terzi, previo avviso le immagini indicate verranno immediatamente rimosse

Tutte le opere presenti in questo blog sono originali e sono state già pubblicate o in ogni caso depositate alla SIAE.

Tutti i diritti sono riservati.

E' vietata ogni forma di riproduzione totale o parziale salvo esplicita autorizzazione scritta fornita dell'autrice.
http://www.wikio.it


 

Diario | Poesie | Racconti | Idee | Ubuntu | Disclaimer |
 
Diario
182106visite.

8 gennaio 2009

La Strega e l'Alchimista (parte V)

C'era qualcosa che le aveva chiesto prima di dirle “Scegli”, qualcosa che l'aveva lasciata così perplessa da annichilire la sua forza. Già perché non era contro la forza che si era trovata a scontrarsi, ma con una dolcezza che non si sarebbe mai potuta attendere.

Si ricordò di quando era a scuola di stregoneria, e la sua insegnante, una vecchia strega ricurva che aveva riso in faccia allo stesso Torquemada non finiva mai di ripetere: Mai dubbi e mai amori, chiudete la porta del cuore.

Era stato il gelo del suo animo a combattere perfino le lingue di fuoco, e lei era ancora lì a ridere mentre gli uomini s'erano fatti polvere.

Ma qualcosa s'era messo in moto quando lo aveva visto così innocente dormire nel suo uovo, e quando i suoi baci avevano scoperto un corpo capace di vibrare.

Si guardò le punte rosa delle sue mani bianche, bianche sotto gli spessi guanti, sciolse i capelli nascosti dal cappello, le ginocchia, i fianchi, il seno.

E per la prima volta percepì il battito del suo cuore.


E sentì che non batteva da solo, sentì su di sé altre mani, un altro corpo e lo desiderò.

Cosa vuoi che faccia? Le chiese, piano. Hai scelto? La strega sorrise. Dillo, non avere paura. Voglio lasciarmi attraversare da te.

L'alchimista la baciò e strinse a sé, forte. E per tutta la notte il vento fu tenuto lontano da loro.

E fu sera e fu mattina. Del terzo giorno.





permalink | inviato da Flavia W il 8/1/2009 alle 9:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio
 
 
Technorati Profile