.
Annunci online

 
weisghizzi 
scampoli di letteratura - www.weisghizzi.it
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Il mio sito
La piazza di pietra e altre storie
Il blog di mio fratello
Cristina Fabris
Contesti - Agenzia letteraria
CulturaItalia
Per gli amanti del fumetto
Lo spazio bianco
Divilinux
Mefisto
Luca
Elle.uca
Re.In.Stallo
Milo
Bugman
Xdatap1
  cerca



Il mercante di parole


Ecco mio buon Bassanio,
prendi pure il mio pezzo di cuore
e barattalo con l’Ebreo
per avere un po’ d’attenzione.

Prendi pure il mio etto di carne
e pesa quanto valgono le mie parole
che il mio debito l’ho già pagato
con le lacrime e col dolore.

Troppi crediti accumulati
in attesa della buona stagione
sono andati col passar del vento
e col tempo han perso valore.

E all’Ebreo sudicio e avaro
che vorrebbe ghermirmi i pensieri
bastino le parole che già possiede:
solo quelle gli ho promesso
non lealtà, amicizia o fede
e neppure una goccia di sangue.

Ma a te, Bassanio, mia roccia,
lascio a banchetto il mio corpo che langue:
spremi fino all’ultima goccia,
sangue, anima, carne e cuore
perché ciò è tutto quel che possiede
questa misera mercante di parole.

(Le mie poesie si trovano sul mio sito www.weisghizzi.it)



I miei libri



La Piazza di Pietra e altre storie



Parlando di nuvole

Modi e luoghi del fumetto
italiano conteporaneo

 

 

Ubuntu Linux 9.10

Guida compatta

Disclaimer: le immagini qui riprodotte sono state trovate su Internet, liberamente scaricabili. Se ne presume la possibilità di farne un uso quantomeno amatoriale e non a scopo di lucro. Se malgrado ciò risultassero lesi i diritti d'autore di terzi, previo avviso le immagini indicate verranno immediatamente rimosse

Tutte le opere presenti in questo blog sono originali e sono state già pubblicate o in ogni caso depositate alla SIAE.

Tutti i diritti sono riservati.

E' vietata ogni forma di riproduzione totale o parziale salvo esplicita autorizzazione scritta fornita dell'autrice.
http://www.wikio.it


 

Diario | Poesie | Racconti | Idee | Ubuntu | Disclaimer |
 
Diario
1visite.

26 aprile 2011

Vita da Shell



Ed eccola, la mia conchiglia. No, non avete un problema alle impostazione dello schermo, è davvero ROSA confetto. E di questo ovviamente devo ringraziare chi ha avuto voglia di farmi un tema personalizzato. Per correttezza non dico chi è, se vorrà, si farà avanti.I miei ringraziamenti se li è presi già. Lo ha detto, quindi ringrazio pubblicamente Ulisse Perusin per la gentilezza e il pensiero delizioso :) Già, io trovo che per quanto questo GNOME voglia essere uno e unico, non è corretto non dare all'utente la possibilità di renderlo “suo” qualunque cosa questo significhi per lui.

E in questo modo trovo si risolverebbe anche l'altro annoso problema, quello delle trasparenze, che ciascuno potrebbe impostare a suo piacimento. Io non trovo le finestre vetrose difficili o scomode da utilizzare, tutt'altro, chi ha visto il mio desktop sa che è un fiorire di vetrosità sfumature e trasparenze che lo rendono – secondo me – più leggero e fine.


(Ecco il mio desktop su Ubuntu...)

Ora passiamo all'utilizzo vero e proprio.

Aprire l'overview e trovarsi di fronte a un desktop vuoto fa un effetto un po' strano... forse dare direttamente accesso al pannello attività non sarebbe male. Allo stesso modo credo che potrebbe essere di gran lunga più agevole avere l'accesso immediato allo switcher dei workspaces (a destra del desktop) senza passare per il lanciatore (a sinistra del desktop) evitando di fare la traversata del desktop ogni volta.

E proprio rimanendo sui workspaces, poterci mettere le finestre direttamente, magari spostandole a destra (anziché stare a copiare windows...) e avendo accesso immediato allo switcher potrebbe essere una buona idea.

In compenso per me che uso 10 finestre nello stesso workspace, effettivamente questo sistema funziona bene, mi ci trovo. Bisogna solo trovare il modo di minimizzare le finestre, o almeno togliere velocemente quelle inutili. So come farlo, ma che lo sappia fare io dietro suggerimento serve a poco.

Cose buone scoperte oggi: le notifiche di Empathy. Premessa: io detesto Empathy (oggi non sono riuscita neppure a configurare il profilo IRC) e figuriamoci se amavo le notifiche. Ma sono così discrete e così usabili che mi hanno conquistata: aperto Empathy, fatto sparire, usavo l'angolino a destra dello schermo per fare tutto. Fantastico. Senza dimenticare che con il mio tema rosa il pannello basso è deliziosamente sfumato :).

Una parola infine per la dash a sinistra: molto comoda, e se come penso memorizza i programmi più utilizzati dall'utente, ancora meglio.

Mi manca, e molto, Compiz e i suoi effetti: le finestre sono un po' rigide senza l'effetto tremolate a cui sono affezionatissima, vedremo che succederà.

Avrei un paio di critiche da segnalare su Fedora, ma alla fine mi interessa poco: ho capito però che l'utente Fedora deve essere un tantinello più smart, il che non è sempre un pregio.


Qualcuno mi ha detto che finito questo, per par condicio dovrei passare tre giorni con Unity... vedremo che succederà.


Alla prossima!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gnome shell

permalink | inviato da Flavia W il 26/4/2011 alle 2:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

24 aprile 2011

Testing...



Ed eccoci qua. E siccome sono una che paga i debiti e mantiene la promesse, tre giorni con Fedora + GNOME Shell ed è fatta. Masochismo? Ma anche curiosità, e un po' di lecita preoccupazione per il futuro del desktop della mia povera Kore. Comunque, prime riflessioni in generale. Fedora (15 beta) è velocissima a caricarsi. Nella live non ho trovato LibreOffice, (il che non è il massimo) esteticamente è gradevole (ma questo lo sapevo già) e non così dissimile da Ubuntu come ricordavo.
La Shell. Sono dispiaciuta che per provarla abbia dovuto installare Fedora, sono contenta di aver installato Fedora per provarla. Ok mi piace. Esteticamente è bella e fluida. Non mi piace il sipario di sfondo (ma ci sono begli sfondi ... Con dei nomi italiani bellizzimi! :) ) mancano i temi e tutto nero è deprimente (No! È inutile che dici elegante!) le finestre e i control tab sono un po' troppo squadrati e grigetti, la scrollbar di scorrimento della pagina troppo larga, insomma sbavature  un po' old fashioned che stonano con l'impronta generale molto rivolta al futuro. Usabilità. All'inizio mi è preso un colpo. Poi ho trovato i workspaces dinamici ed effettivamente il fatto di avere tutto abbastanza a portata di mano - a me che non riesco a utilizzare la dock - non mi ha fatto troppo rimpiangere l'assenza del pannello inferiore.
Devo provarla, è vero con 10/15 finestre e diverse applicazioni aperte, ma ieri sera si bloccava in continuazione ed effettivamente più che cutting al terzo riavvio ho deciso che era una esperienza davvero bleeding edge!

Alla prossima!
E Buona Pasqua a tutti!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gnome shell fedora15 beta

permalink | inviato da Flavia W il 24/4/2011 alle 18:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

14 dicembre 2010

IntuizioneEspressione. Ovvero i miei appunti su GNOME Shell




Già, sarà la nota locuzione di Benedetto Croce a introdurre il primo post tecnico di questo blog.
E mi sembra doveroso che sia Croce.
Allora oggi ho giocherellato con GNOME Shell, che ovviamente mi è stato recapitato a casa completo di laptop sul quale provarlo e istruzioni per l'uso. Le istruzioni non erano su un comune manuale, ma erano accluse al proprietario del pc, che, interrogato, rispondeva o suggeriva percorsi.
Un po' tipo Sapientino, avete presente? E se proprio non capivo come funzionava potevo sempre chiedere un aiutino, come nei migliori quiz televisivi.
Intuizione Zero.
Talmente zero che non ho trovato neppure il modo per accedere alla lista dei programmi.
Ok, poi grazie alla piccola guida parlante ci sono riuscita.
Ho aperto tre/quattro finestre che poi è possibile richiamare con l'exposè (o come si chiama). Bello, anche io uso Compiz con l'exposè, peccato che su GNOME Shell sia l'unico modo per visualizzare le finestre nascoste.
O quelle che si minimizzano che, magicamente, scompaiono. Dalla vista, dal tutto.
Voi direte che per vedere le finestre aperte c'è il vecchio  caro  Alt+ TAB.... certo peccato che il selettore circolare mostri le applicazioni aperte e non le finestre, per quelle, si devono usare le freccette dopo aver selezionato non_mi_ricordo_come l'applicazione giusta.
Fluidissimo, specie se come me copincolli ogni giorno decine di righe da Thunderbird a OpenOffice, che occupano entrambe ben più di mezza finestra....
Aperto un documento Writer ho scoperto con mia grande gioia che potevo salvare i documenti sulla scrivania. Wow!
Ancora per poco :( . Sembra. 
Te pareva!
Carini sono i menù a fumetto delle icone di stato in alto a destra, che sguisciano l'uno nell'altro.
Cos'altro?
Non c'è la doppia barra, e a dire il vero neppure una singola, alto o basso che sia, ma in compenso in basso c'è l'area delle notifiche. Tipo che se usi Empathy e d'improvviso vuoi chiudere tutto e far sparire per non far leggere qualcosa di compromettente al tuo capo, lui passerà esattamente quando una minimale, discreta notifica larga tutto lo schermo e ampia 3 dita farà comparire la scritta “Sì, hai ragione, il tuo capo è davvero un pirla”.
Alla faccia della privacy.
Neppure mettere il tutto su un'altra area di lavoro, che ce n'era una sola... E va bene che io ne uso solo una, ma avercele sarebbe comodo...(ok, su questo il padrone ha ammesso che forse il suo computer non è abbastanza fico).
Avrei voluto infine magari provare qualche altra funzione, ma dopo l'ennesimo crash ci ho rinunciato...
Povera Kore, mica dovrò passare a KDE?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gnome shell

permalink | inviato da Flavia W il 14/12/2010 alle 1:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo        luglio
 
 
Technorati Profile