Blog: http://weisghizzi.ilcannocchiale.it

Puoi perdonarmi...

Puoi perdonarmi questa strada
lastricata di cattive intenzioni?
Il poeta è figlio dell’inferno,
e l’inferno gli rimane sempre un po’ dentro.

Ma tu non sei nato per passare la vita
a spegnere tramonti e aurore,
impolverarti di sincerità arrugginite.
camminare sui ricci di montagna.

Perdona, se puoi i miei vent’anni
e questo fulgente campo di luce
per il quale t’ho rubato alla morte,

perdona se puoi questo amore
che m’ha fatto una calda assassina:
la rivoluzione concede granate,
e io ti amo, pian piano, sfumando.

Pubblicato il 7/5/2008 alle 1.12 nella rubrica Poesie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web