Blog: http://weisghizzi.ilcannocchiale.it

La Strega e l'Alchimista (parte VI)

Di qui non si torna indietro e questo è certo. Ma non ti aspettare da me neppure una parola. Non sarò io a illuminare i tuoi passi, a dare luce al tuo cammino. Fai quello che devi, se devi, e così sia.

D'altronde quale è il senso di giocare a dadi, se il tempo, il fato e il destino giocano sempre con carte truccate?

E io che volevo sfidare la sorte, e io che credevo alla libertà.

Favole da stolti. Tutto si compie oggi, in questo uovo bianco, in questo sangue rosso. In questo doveroso tornare, a ciò che ero, a ciò che sono, all'odore delle favole antiche cui appartengo.

Anche se non voglio.


Era l'alba del terzo giorno, e la Strega si svegliò.


Pubblicato il 9/1/2009 alle 13.40 nella rubrica Racconti.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web